Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:LUCCA15°27°  QuiNews.net
Qui News lucca, Cronaca, Sport, Notizie Locali lucca
venerdì 09 giugno 2023

FAUDA E BALAGAN — il Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

ALFREDO DE GIROLAMO - Dopo un lungo periodo di vita vissuta a Firenze in cui la passione politica è diventata lavoro, sono tornato a vivere a Pisa dove sono cresciuto tra “Pantere”, Fgci, federazione del partito e circoli Arci. Mi occupo di ambiente e Servizi Pubblici Locali a livello regionale e nazionale. Nella mia attività divulgativa ho pubblicato i libri Acqua in mente (2012), Servizi Pubblici Locali (2013), Gino Bartali e i Giusti toscani (2014), Riusi: da rifiuti a risorse! (2014), Giorgio Nissim, una vita al servizio del bene (2016), SosteniAMO l'energia (2018), Da Mogador a Firenze: i Caffaz, viaggio di una famiglia ebrea (2019). ENRICO CATASSI - Storico e criminologo mancato, scrivo reportage per diversi quotidiani online. Svolgo progetti di cooperazione internazionale nei Paesi in via di sviluppo. Curatore del libro In nome di (2007), sono contento di aver contribuito, in piccola parte, ad Hamas pace o guerra? (2005) e Non solo pane (2011). E, ovviamente, alla realizzazione di molte edizioni del Concerto di Natale a Betlemme e Gerusalemme. Gli autori insieme hanno curato i seguenti libri: Gerusalemme ultimo viaggio (2009), Kibbutz 3000 (2011), Israele 2013 (2013), Francesco in Terra Santa (2014). Voci da Israele (2015), Betlemme. La stella della Terra Santa nell'ombra del Medioriente (2017), How close to Bethlehem (2018), Netanyahu re senza trono (2019) e Il Signor Netanyahu (2021).

Bufera sull'immigrazione

di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi - mercoledì 15 marzo 2023 ore 08:00

È bufera a Londra sulle nuove politiche di respingimento dei migranti, critiche che arrivano persino a scuotere l'istituzione dell'informazione pubblica britannica per eccellenza, la BBC. Ad innescare l'acceso dibattito la scelta del governo conservatore di Rishi Sunak di introdurre stringenti misure all'immigrazione, per un piano che era stato già al vaglio dell'esecutivo di Boris Johnson, e aveva fatto infuriare l'allora principe Carlo e l'Arcivescovo di Canterbury. Stop all'accoglienza. La Manica militarizzata per i respingimenti. Soglia al numero dei rifugiati. Limitazione alle domande di asilo. E l'idea, che per ora non decolla, di trasferire i clandestini in Ruanda. 

Nel 2022 sono stati circa 46 mila i migranti che illegalmente hanno attraversato lo stretto canale di mare tra la Francia e le bianche scogliere di Dover a bordo di gommoni o barche. Numero quasi doppio rispetto al 2021 quando furono 28 mila, in gran parte in fuga da scenari di guerra e povertà, a sbarcare nel Regno. Il draconiano disegno di legge del governo ha prodotto un vespaio di reazioni negative. La Croce Rossa internazionale ha definito il pacchetto normativo «estremamente preoccupante». Il Consiglio per i rifugiati sottolinea come i due terzi degli arrivi provenga da paesi ad altissimo rischio quali Afghanistan, Siria o Sudan. Per l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) siamo difronte ad una «chiara violazione delle convenzioni internazionali». Che avrebbe ricadute anche sull'adesione alla Convenzione europea dei diritti umani (CEDU) di Strasburgo, da cui adesso alcuni esponenti dei Tories spingono per uscire, in perfetto stile Brexit.

Il premier Sunak incalzato dai giornalisti che gli domandavano se sia disposto a lasciare la CEDU, nel caso che la legge violasse il diritto europeo, ha risposto che il governo continuerà ad agire nel rispetto degli obblighi internazionali. Dichiarazione che tuttavia non convince. Non è piaciuta all'ex calciatore e oggi presentatore televisivo Gary Lineker, che sui social si è scagliato contro la proposta: «Accogliamo molti meno rifugiati rispetto ad altri grandi paesi europei. Questa è solo una politica incommensurabilmente crudele nei confronti delle persone più vulnerabili con un linguaggio non dissimile da quello usato dalla Germania negli anni '30». Il paragone alla Germania nazista ha toccato un tasto particolarmente sensibile al partito di Sunak, sceso in pressing sulla BBC per sospendere il presentatore dalla trasmissione, reo, a loro dire, di mancanza di imparzialità. 

La catena di solidarietà dei colleghi dell'ex attaccante della nazionale inglese ha praticamente azzerato i palinsesti sportivi del weekend, convincendo i vertici aziendali dell'emittente radiotelevisiva nazionale a fare una repentina retromarcia, e reintegrare a pieno titolo il conduttore. La protesta ha investito la scena politica, dai banchi dell'opposizione laburisti e liberal hanno a loro volta chiesto la testa del presidente della BBC Richard Sharp, molto vicino a Johnson nel bene e nel male.

Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

Articoli dal Blog “Fauda e balagan” di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi