Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:00 METEO:LUCCA9°  QuiNews.net
Qui News lucca, Cronaca, Sport, Notizie Locali lucca
martedì 05 dicembre 2023

VIGNAIOLI E VINI — il Blog di Nadio Stronchi

Nadio Stronchi

Nadio Stronchi, autore di “Vignaioli e vini della Val di Cornia e Isola d’Elba”, è un appassionato cultore di vini e, più in generale, di mondo agricolo. Bibliofilo e instancabile ricercatore è stato promotore di attività enoiche dentro la storia locale Val di Cornia, Toscana

Uno Shiraz australiano nominato il migliore del mondo

di Nadio Stronchi - mercoledì 15 novembre 2023 ore 08:00

Il Shiraz di Serraiola? Provatelo!

Vinus international wine& spirits competition in Argentina: non vini di 15 nazioni e 580 partecipanti; Il vino Tylors Hermitage Label Shiraz 2022 monovarietale, dell’azienda Taylors Wine, in Clare Valley vicino ad Adelaide, è dato per vincitore con un punteggio di 100/100 in una degustazione fatta alla cieca.

Premesso che per stabilire un vino migliore del mondo occorrerebbe sceglierlo tra tutti gli Shiraz del mondo, sarebbe possibile farlo? Certo! Occorrerebbe la volontà. Costerebbe? Certo! Ma perlomeno non ci sarebbero dubbi di sorta. In questo caso gli assenti hanno sempre torto. Come sappiamo, però, anche nel settore del vino ci sono corporazioni e gruppi, ben organizzati, e ognuno va per la sua strada e decidono gli eventi internazionali. Fa parte di un Teatro Naturale ed economico globale nel quale si recita con una commedia in parte buona e in parte artificiosa e mirata a fare pubblicità come anima del commercio? Bisognerebbe ricercare sempre la verità minuziosa, non tralasciando niente che possa essere incompleto e sospettoso. Cioè operare in ogni cosa che facciamo lavorando di ricamo.

Chiusa la polemica e torniamo al vino Shiraz. Prendiamo per buono quello che ci hanno raccontato gli argentini. Io non posso fare confronti; per trovare questo vino per l’acquisto, il più vicino rivenditore è in Austria, perciò non posso giudicarlo, ma non per metterlo a confronto con i nostri Shiraz della Toscana o del Val di Cornia, non so se sarei capace. Vi dico, però, che nell’azienda Serraiola, diretta da Fiorella Lenzi, nel Comune di Monterotondo Marittimo, c’è uno Shiraz, 2019, monovarietale che è superlativo.

L’azienda è al confine con il Comune di Suvereto, sulla strada che porta al Monastero del Frassine e vicinissima al fiume Cornia, in una piccola vallata.

Il Shiraz l’ho degustato alla osteria (Alcide) gestito dalle sue nipoti, delle Banditelle di Venturina Terme, dove si mangia un panino con dei prodotti eccezionali e si degusta un calice di vino dei migliori. Ebbene, proprio in questo locale ho degustato lo Shiraz IGT di Serraiola, 2019, e ho avuto le seguenti sensazioni: Colore: rosso rubino intenso con lievissimi riflessi aranciati. Olfatto: Intenso, etereo ma fruttato, con sentori di frutti neri maturi, pepe e liquirizia. Gusto: pieno, armonico, caldo, si ripete la liquirizia, sensazione finale lunga.

Nadio Stronchi

Articoli dal Blog “Vignaioli e vini” di Nadio Stronchi