Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:22 METEO:LUCCA11°19°  QuiNews.net
Qui News lucca, Cronaca, Sport, Notizie Locali lucca
giovedì 06 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Omicidio Cerciello, la vedova in lacrime: «Questa sentenza non mi riporterà Mario»

Attualità venerdì 05 febbraio 2021 ore 08:49

Disagi per la neve, un tavolo perché non ricapiti

neve in garfagnana

Senza luce per giorni, senza strade ancora adesso. Come evitare che accada ancora? Per fare il punto si è svolto un incontro in prefettura



PROVINCIA DI LUCCA — Senza luce e telefono per giorni, senza strade ancora adesso, isolati nelle frazioni sepolte sotto la neve record di inizio gennaio. Come evitare che accada ancora? Per fare il punto si è svolto in prefettura di Lucca un tavolo provinciale per fare il punto della situazione dopo le abbondanti nevicate che hanno colpito nelle scorse settimane la Garfagnana, l'alta Versilia e la Media Valle del Serchio. Sono stati diversi, infatti, i disagi per la viabilità e per l'erogazione dei servizi di energia elettrica e telecomunicazione, causati principalmente dalla caduta di rami e alberi.

La situazione è stata fronteggiata grazie ad una stretta collaborazione nei soccorsi tra Comuni, protezione civile, vigili del fuoco, forze dell'ordine, Anas, Soccorso alpino, gestori dei sevizi pubblici essenziali e realtà locali del volontariato, tutti intervenuti nelle operazioni con il coordinamento dei diversi livelli territoriali del sistema di protezione civile per ristabilire gradualmente la normalità. 

Tra gli interventi ritenuti necessari, la promozione di un piano coordinato di manutenzione della vegetazione. I carabinieri forestali hanno offerto la propria disponibilità per individuare gli strumenti con cui intervenire più efficacemente e nel rispetto della salvaguardia dell'ambiente. Analogamente, è stata prospettata la possibilità di operare una ricognizione delle vie che garantiscono l'accesso ai principali impianti Enel, sulle quali agire prioritariamente in caso di emergenza per ripristinare la viabilità e favorire in tempi brevi la riattivazione dell'erogazione dell'energia elettrica. 

E' stata quindi condivisa la necessità di un piano di interventi che non sia solo funzionale alla gestione e al superamento delle emergenze, ma che punti a creare le condizioni per il recupero ed il rilancio delle comunità montane, già da tempo interessate da un crescente fenomeno di spopolamento. Enel ha illustrato il piano di investimenti di 60milioni di euro che nel prossimo triennio interesserà la provincia di Lucca e che comporterà il rafforzamento della rete, l'incremento dei punti telecontrollati per risolvere le criticità anche da remoto, oltre a proseguire con maggiori risorse nelle opere di taglio delle alberature che insistono nei pressi degli impianti.

E' stato, infine, affrontato anche l'importante tema delle telecomunicazioni per il quale il prefetto Francesco Esposito ha già ricevuto rassicurazioni dal ministero dello sviluppo economico per accelerare il processo di implementazione della connettività dei comuni montani. Su questo tema sarà importante proseguire il confronto con i gestori delle reti telefoniche per migliorare la copertura e l'efficienza dei servizi.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nelle ultime 24 ore sono tornati a salire i casi di coronavirus, sei i territori comunali colpiti dal virus. I dati dei bollettini di Asl e Regione
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità