Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:LUCCA10°  QuiNews.net
Qui News lucca, Cronaca, Sport, Notizie Locali lucca
martedì 25 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, Letta: «Dobbiamo chiuderci in una stanza a pane e acqua per la soluzione»

Attualità giovedì 02 dicembre 2021 ore 08:34

Aria acqua e terra, coccole ai lecci sulla Torre

Le opere di manutenzione
Le opere di manutenzione

Per due giornate i 7 alberi che caratterizzano la sommità della Torre Guinigi sono oggetto di un delicato intervento di manutenzione



LUCCA — Aria e acqua con le perforazioni, terra con compost fertile sono gli ingredienti base delle coccole di cui sono oggetto per due giornate i 7 lecci che animano in modo inconfondibile la sommità della Torre Guinigi e quindi il profilo del panorama di Lucca. Si tratta di una delicata operazione di manutenzione per la salute delle piante ospitate da secoli nelle strette vasche di contenimento: un piccolo inconfondibile giardino pensile alla sommità dell'edificio di mattoni rossi.

Il leccio (Quercus ilex) rappresenta una delle piante più rustiche e resistenti, capace di vivere in spazi angusti e battuti dagli elementi meteorologici come costoni rocciosi e scogliere mediterranee. Tuttavia la sommità della Torre Guinigi rappresenta condizioni ancora più particolari con l'esposizione a tutti i venti e alle piogge che spazzano e dilavano il poco terreno in cui gli alberi affondano le radici, provocando un eccessivo compattamento e impoverimento dello stesso.

Nel corso di due giornate di chiusura del monumento, ieri e oggi, sotto la direzione dell'arboricoltore Fabrizio Cinelli dell'Università di Pisa e della curatrice dell'Orto Botanico Alessandra Sani, i giardinieri del giardino scientifico lucchese hanno provveduto a effettuare delle piccole perforazioni per il drenaggio e l'areazione del terreno delle vasche. Le cavità sono state riempite di materiali inerti anti compattamento. 

Compiuto questo primo intervento si è passati a riportare nuovo terreno fertile per rimpiazzare quello dilavato negli anni dagli eventi atmosferici. Il nuovo substrato costituito da compost di foglie e fertilizzanti organici naturali viene potato a forza di braccia alla sommità del monumento e permetterà ai lecci di nutrirsi e mantenere in condizioni migliori l'apparato radicale e quindi di rigenerare fusti e chiome nelle prossime stagioni vegetative.

“La torre Guinigi e i suoi lecci sono il simbolo più amato e ammirato di Lucca proprio per questo abbiamo chiesto che siano inclusi nella lista degli alberi monumentali della Regione Toscana – afferma l'assessore alla cultura Stefano Ragghianti – questo intervento ha permesso di controllare la salute delle piante e assicurare che possano continuare a vivere bene nei prossimi anni in questo posto così straordinario”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La polizia ha denunciato un uomo e una donna, il primo aveva promesso soldi alla seconda per un matrimonio che era solo di facciata
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Chi mette al centro la persona

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità