Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:40 METEO:LUCCA18°  QuiNews.net
Qui News lucca, Cronaca, Sport, Notizie Locali lucca
martedì 02 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Ibrahimovic a Sanremo: «Il duetto con Mihajlovic? Speriamo che anche lui non sappia cantare»

Attualità martedì 05 gennaio 2021 ore 18:26

"Mi vaccinerò appena sarà il mio turno"

Alessandro Tambellini

Il sindaco Tambellini lancia un appello a nutrire fiducia nella scienza e esorta a sottoporsi alle somministrazioni come dovere morale



LUCCA — “Vaccinarsi è un dovere morale. Per quanto mi riguarda mi vaccinerò non appena sarò chiamato per questo, non appena sarà il mio turno”: lo dice il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini, che affida a un messaggio la sua posizione sulla campagna vaccinale contro il Covid-19. 

“Resto francamente sorpreso quando le perplessità sull’uso dei vaccini arrivano dall’ambito medico che si basa, in ogni suo atto, su ciò che la ricerca ha elaborato. Ci sono molte ragioni per avere fiducia nella straordinaria conquista della scienza biomedica rappresentata dalla messa a punto di vaccini anti-Covid-19 - afferma - che una comunità scientifica fatta di migliaia di ricercatoti ci garantisce essere efficaci e sicuri, e realizzati in tempi molto rapidi". 

Ad avviso del sindaco di Lucca "non deve intimorire o suscitare perplessità la velocità con cui si è raggiunto questo traguardo, perché l’avanzamento delle conoscenze nello specifico settore e le nuove piattaforme produttive farmaceutiche hanno fornito i presupposti per realizzare un trattamento preventivo che, tutti noi auspichiamo, possa segnare l’inizio della fine di questo drammatico periodo". 

“A fronte dell’attacco dei virus - continuano il sindaco e la consigliera con delega alla sanità, Cristina Petretti - i vaccini restano ancora una barriera di difesa irrinunciabile". E infine: “La nostra esortazione a vaccinarsi, e farlo con fiducia, è quindi basata sulla profonda consapevolezza del valore insostituibile e della solidità del metodo scientifico su cui si fonda tutta la ricerca biomedica accreditata. Sarebbe importante che in tutti noi maturasse, in un ideale sodalizio fra scienza, cultura e società, almeno un basilare atteggiamento scientifico, che consiste nella disponibilità a cambiare le nostre idee, le nostre teorie, alla luce di nuove prove”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità