comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:40 METEO:LUCCA12°  QuiNews.net
Qui News lucca, Cronaca, Sport, Notizie Locali lucca
giovedì 26 novembre 2020
corriere tv
Morto Maradona, quando si raccontò a Kusturica: «La droga? Immaginati che giocatore sarei stato senza cocaina»

Attualità giovedì 12 novembre 2020 ore 11:24

Castagne, una stagione super

Altissime le aspettative per la qualità della prossima farina Dop della Garfagnana. A fornire un primo bilancio sono Coldiretti e Città del Castagno



LUCCA — Belle, buone e in salute. Sono altissime le aspettative per la qualità della prossima farina Dop della Garfagnana.

A fornire un primo bilancio è Coldiretti in collaborazione con l’associazione nazionale Città del Castagno. In provincia di Lucca i conti dovrebbero tornare con oltre 10.000 quintali di castagne raccolte. Confermate le stime che caratterizzano, anche se a macchia di leopardo, la Regione Toscana: +20/30%.

Il cinipide oggi ha raggiunto un equilibrio con il suo antagonista Torymus sinesis ed anche per quanto riguardo il marciume delle castagne (Gnomoniopsis castanea) è andata bene con pochissima percentuale di castagne marce.

“L’andamento della raccolta è molto diverso da comune a comune, anche a poche centinaia di metri di distanza. – spiega Andrea Elmi, presidente Coldiretti Lucca confermando quella che è l’analisi regionale – Questo dipende da fattori legati esclusivamente al clima. La pioggia di settembre ha salvato una stagione che poteva essere decisamente inferiore nei numeri e nella qualità. Il raccolto tra l’altro è partito anche in ritardo. C’è grande oscillazione nelle performance dei castagneti. In alcune zone della Garfagnana c’è stata una riduzione in altre siamo il linea con lo scorso anno, in altre ancora addirittura c’è molto più prodotto. E’ stata una stagione strana”.

La castanicoltura, in Garfagnana come nel resto della regione, continua a rappresentare una fonte di sostentamento per imprese e famiglie. Il suo prodotto di riferimento, la farina, non sembra conoscere crisi nemmeno in tempi difficili ed incerti come quelli che stiamo vivendo. Per la farina Dop della Garfagnana, una delle due farine italiane a poter fregiarsi della denominazione europea, la produzione dovrebbe attestarsi intorno ai 300 quintali.

Stessa sorte anche per la castagna fresca, e principalmente del marrone, il cui consumo è favorito dall’abbassamento delle temperature anche se peseranno gli annullamenti di sagre ed eventi. Nei mercati all'ingrosso si rilevano quotazioni nella media del periodo, che vanno da 2,50 a 4,50 euro/chilo a seconda del calibro con i prezzi tendono a raddoppiare al consumo. Nel suo complesso il comparto ha una rilevanza economica notevole in Toscana: su di una superficie di 33.000 ettari, di cui 16.000 ettari coltivati con castagni da frutto, si ottengono quasi 200mila quintali di castagne per una produzione media annua di oltre 90 milioni di euro.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità