QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
LUCCA
Oggi 19°31° 
Domani 17°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News lucca, Cronaca, Sport, Notizie Locali lucca
giovedì 22 agosto 2019

Attualità giovedì 25 luglio 2019 ore 10:42

​Alla scoperta dei nuovi Rugani

Daniela Rugani

Un cognome abbastanza raro che dalla Toscana si è diffuso oltre Oceano. Insegnante livornese-lucchese li vuol trovare tutti



SIENA — Daniela Rugani è nata a Lucca e vive a Livorno, dove ha insegnato nelle scuole d’infanzia fino al pensionamento. I suoi amori sono i nipoti, i suoi cani, la cucina e la natura ma dall’estate di due anni fa, precisamente il 20 agosto, ha scoperto una nuova passione: censire nel mondo chi ha il suo stesso cognome. Finora ha raccolto 173 membri nel suo gruppo chiuso, ma potrebbero essere molti di più se tutti quelli individuati ed invitati a farne parte avessero accettato o almeno risposto al suo invito; certo Daniela mostra intransigenza nel censirli, giacché non accetta fra i membri chi ha sangue Rugani, ma non ha più questo cognome, ma altrimenti il gruppo risulterebbe molto confuso e di difficile consultazione.

Il suo proposito dichiarato era “Mi piacerebbe conoscere le storie dei RUGANI emigrati in tutto il mondo! E chissà, se il fato mi assiste, poterli incontrare di persona”. Una proclamazione di vicinanza che, anche grazie agli algoritmi di Facebook, l’ha proiettata con la sua pagina “I Rugani nel Mondo” in una dimensione nuova, dove le scoperte di un nuovo Rugani sono frequenti e anche le manifestazioni di entusiasmo per la sua idea. E grazie a lei è già successo che qualche parente Rugani si sia ritrovato.

Che dire dei Rugani. Il sito cognomix dice che è un cognome raro e ne censisce 162 in Italia, di cui 149 in Toscana ed il resto in 9 altre regioni; il sito locatemyname censisce 192 gruppi familiari in Italia per una stima di 735 componenti, di cui 177 gruppi in Toscana. Ma la gran parte è all’estero per un totale di 336 gruppi familiari censiti e una stima di 1262 componenti. Di essi non sono pochi i francesi, ma la parte del leone la fanno gli Stati Uniti, l’Argentina e il Brasile.

Una colonizzazione del mondo così definita trova la sua ragione di essere nel fatto che probabilmente il ceppo dinastico originario dei Rugani è unico e ristretto a Lucca e dintorni. E la preferenza per il nuovo mondo si deve alla pesante emigrazione registratasi fra l’inizio del XIX secolo fino all’immediato dopoguerra. Da Lucca che è centro della direttrice fra Barga e Peccioli, partirono migliaia e migliaia di persone sui piroscafi per le Americhe in cerca di un lavoro e di un futuro. Moltissimi verso la West Coast dove il sito Emigrazione Notizie ci ricorda che a San Francisco già nel 1874 esisteva la società di mutuo soccorso Cavalleggeri di Lucca. Furono tanti, si stima che quattro toscani su cento in quegli anni dettero l’addio definitivo alla madre patria.

Ma chi erano i Rugani? Probabilmente gente di paese. Il letterato lucchese Domenico Acconci si interroga così sull’etimologia del cognome, facendoci arrivare a conclusioni non scontate. “Problematico anche il cognome Rugani – scrive alla puntata 18 del suo quaderno pubblicato dal Tirreno di Livorno -, la ruga come segno d'invecchiamento della pelle, o come viuzza incassata fra le case, non ci dovrebbe entrare niente, ma si può pensare al verbo rugare (non solo lucchese, ma accolto anche in vocabolari italiani) nel significato di litigare mostrando arroganza, infatti scorciamento e modificazione di arrogare come pretendere cocciutamente e, per quanto gli attuali Rugani possano essere persone assolutamente garbate, qualche primo ascendente doveva essere un poco "rugone"”.

Di certo non si riferiva a Daniele Rugani, difensore juventino, nato a Sesto di Moriano, valutato 22 milioni e in predicato di approdare alla Roma che in 22 gare ha totalizzato solo tre ammonizioni. Daniele, iscritto al gruppo della Daniela, sembra essere il vip italiano, ma altrove ce ne sono a iosa. Soprattutto persone che si sono distinte come la Daniela nel mondo dell’insegnamento e della ricerca.

- Ma lasciamo rispondere la webmaster dell’iniziativa Daniela Rugani. Come è cominciata?

“Intanto ti posso dire che l'idea del gruppo mi è venuta una sera ad una cena tra cugini dove la nostra mente ha cominciato a spaziare tra i ricordi di bambini riportando nel piccolo gruppo il "sapere" riguardo alla nostra famiglia che aveva avuto emigranti in America. Io non sapevo quanti Rugani esistevano né dove abitano, ma quando ho fatto alcune ricerche mi si è aperto un mondo infinito”.

- Chi sono i Rugani, davvero degli attaccabrighe come dice l’Acconci?

“Sui Rugani purtroppo non ho potuto imparare granché, penso che siamo come tutte le altre persone... sbirciando sulle pagine dei 173 membri del gruppo ho rilevato persone spiritose, persone talentuose e sì, persone un po’ "ruvide", ma anche persone gentilissime e attente, persone sensibili, altre sfuggenti..... persone uguali a tutte le altre: esseri umani. La mia famiglia allargata”.

RG



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità