Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:50 METEO:LUCCA16°29°  QuiNews.net
Qui News lucca, Cronaca, Sport, Notizie Locali lucca
sabato 12 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Uomo viene «inghiottito» da una balena al largo del Massachusetts: la testimonianza

Attualità giovedì 03 dicembre 2020 ore 15:35

I ristoratori servono un sos alle istituzioni

Ristorante vuoto

I rappresentanti di Fipe Confcommercio in videoconferenza coi consiglieri regionali lucchesi e l'assessore del capoluogo. Chiedono misure anticrisi



LUCCA — Sos alle istituzioni: a lanciarlo, durante la riunione in videoconferenza svoltasi questa mattina (3 dicembre) i rappresentanti del sindacato provinciale Fipe ristoratori Confcommercio Lucca guidati dal presidente Benedetto Stefani. La delgazione ha dialogato con i consiglieri regionali della Lucchesia Vittorio Fantozzi, Valentina Mercanti, Elisa Montemagni e Mario Puppa, e l’assessore alle attività produttive del Comune di Lucca Chiara Martini

L’incontro era stato richiesto dal sindacato per esporre una serie di proposte e richieste da portare come istanze all’interno dei rispettivi enti di appartenenza. Al centro, la drammatica situazione economica in cui versano gli imprenditori del settore, uno dei più colpiti dall’emergenza sanitaria. 

Tanti i temi toccati a partire dalla tariffa per la raccolta dei rifiuti (di competenza comunale), per la quale è stata presentata una richiesta di sgravio e rimodulazione basata sull'applicazione del costo effettivo rispetto al peso dei rifiuti prodotti che, con le attività sostanzialmente ferme, sono di certo in flessione.

"Sempre in materia di tasse e utenze, i ristoratori hanno chiesto la cancellazione di tutti i balzelli di competenza regionale per il 2021. Altri argomenti toccati - spiega una nota Confcommercio Lucca - sono stati le richieste di istituire prestiti a tasso garantito dallo Stato, con innalzamento del periodo di rateizzazione a 10 anni e un lavoro di pressing sulla Abi (Associazione bancaria italiana) per la riduzione delle commissioni bancarie sulle transazioni, a maggior ragione alle luce di una politica nazionale mirata a disincentivare l’utilizzo del contante". 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Continuano invece a emergere casi di infezione, segno che il virus ancora circola. Ecco i dati in dettaglio territoriale dai bollettini ufficiali
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Lavoro

Attualità