Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:50 METEO:LUCCA14°  QuiNews.net
Qui News lucca, Cronaca, Sport, Notizie Locali lucca
venerdì 05 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, Ibrahimovic «caccia» Amadeus dal palco. Poi: «Chiedo a Zlatan se posso presentare»

Attualità mercoledì 10 febbraio 2016 ore 12:36

Cultura e turismo tra riforme e innovazione

Un convegno organizzato dal Pd della Toscana, in collaborazione col gruppo Pd del Senato, con amministratori ed esperti del settore a Palazzo Ducale



LUCCA — Nell'incontro di venerdì 12 febbraio si parlerà della riforma costituzionale che impatterà sulla governance del turismo, aprendo nuove possibilità di innovazione, e della legge ''Art bonus'' che ha profondamente inciso nel settore dei beni culturali. 

Il pomeriggio è articolato in due tavole rotonde, aperte rispettivamente da Benedetta Arese Lucini, manager esperta in new economy, e Luca Nannipieri, storico dell'arte, nel ruolo di "provocatori" del dibattito. 

Nel primo confronto, alle 15, si parlerà della riforma costituzionale e del suo impatto sulla governance del turismo, con la responsabile del Pd nazionale Lorenza Bonaccorsi, l'assessore regionale Stefano Ciuoffo, il presidente del comitato turismo dell'Ocse Armando Peres e il soprintendente di Lucca e Massa Carrara Luigi Ficacci

A seguire, la seconda tavola rotonda sulla legge ''art bonus'': protagonisti del dibattito saranno il presidente della commissione cultura del Senato Andrea Marcucci, la vicepresidente della Regione Monica Barni, la consigliera regionale Alessandra Nardini e il filosofo Salvatore Veca

I lavori saranno coordinati dal responsabile cultura e turismo del Pd della Toscana, Corrado Besozzi, mentre le conclusioni saranno affidate al segretario regionale Dario Parrini

Parrini e Besozzi ricordano quali sono i temi principali del settore culturale e turistico nell'agenda del Pd toscano per i prossimi anni: ''Dobbiamo saper cogliere le opportunità che si aprono per tutta la regione dopo la designazione di Pistoia a capitale della cultura 2017 e con ben chiaro il traguardo del 2019 quando ricorrerà il quinto centenario della scomparsa di Leonardo da Vinci". "Sono occasioni - spiegano Parrini e Besozzi - nelle quali la Toscana, chiamata anche a riformare la propria legge sul turismo, dovrà coniugare al meglio il patrimonio culturale con la vocazione turistica, mettendo in rete città d'arte, territori montani, località rivierasche e piccoli borghi. E sempre in un'ottica di integrazione è necessaria una rete unica toscana dei sistemi museali da proporre anche attraverso le nuove tecnologie e che metta insieme le circa mille strutture della regione".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità