Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:LUCCA19°23°  QuiNews.net
Qui News lucca, Cronaca, Sport, Notizie Locali lucca
venerdì 17 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Galatasaray-Lazio, la clamorosa papera di Strakosha: l'autogol regala la vittoria ai turchi

Attualità mercoledì 04 novembre 2015 ore 15:25

'Due nuovi piedi.. regalami un sogno!'

Andrea Lanfri è un ragazzo di 29 anni di Pieve di Compito. A causa della meningite ha perso le gambe ora chiede aiuto tramite il sito "la buona causa"



CAPANNORI — Il 21 Gennaio Andrea è stato colpito da una meningite fulminante. A causa della malattia ha perso le gambe e le dita. Adesso si affida al sito la buona causa, community di raccolta fondi online, per chiedere aiuto nel trovare i fondi economici necessari per acquistare delle protesi che gli permetterebbero di tornare a correre. 

"Oggi cammino grazie all’uso delle protesi ma è stata un’esperienza molto difficile - scrive Andrea in una lunga lettera sul sito la buona causa - In particolare il giorno dell’incidente lo ricordo molto bene, stavo benissimo e all'improvviso una febbre altissima e in poco tempo mi sono ritrovato appeso ad un filo. Tutto questo nel giro di poche ore. Mi fermo su questo aspetto non per impressionarvi ma per farvi capire quanto io davvero mi sono aggrappato alla vita. Quando si dice aggrapparsi alla vita con i denti, le unghie, ecco io posso dire di sapere cosa vuol dire. Io non volevo morire! Io non accettavo di morire lì in quel giorno, in quel momento. Quando mi sono risvegliato in terapia intensiva, in ospedale io non ero preoccupato, non ero triste, ero solo sofferente per il dolore ma ero paradossalmente felice, molto felice perché avevo avuto la prova che la mia preghiera qualcuno l’aveva ascoltata. Io ero vivo e a me bastava questo - prosegue Andrea - Ogni cosa è stata veramente conquistata. E ancora molte sono da riconquistare. Alzarmi da quella sedia a rotelle e camminare non è stato facile, le protesi non sono come un paio di scarpe che te le danno e cammini. C’è voluto tanto impegno. Ho imparato a sopportare anche il dolore e il dolore è una cosa che veramente ti stanca, ti sfinisce, ti irrita, ti rende nervoso, a volte ti rende cattivo. Io sono stato ricoverato nel centro protesi di Lucca".

In questo suo percorso di riabilitazione Andrea ha scoperto il mondo dello sport per i disabili e le paraolimpiadi e vorrebbe tornare a correre.

"Voglio tornare a correre - scrive Andrea - a gareggiare, voglio provare di nuovo il brivido della corsa".

L'obiettivo sono 18mila euro per permettere a questo giovane di coronare il suo sogno e già in molti stanno rispondendo con donazioni alla sua richiesta.  

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
47 nuovi contagi tra Piana, Versilia e Garfagnana. I dati aggiornati dal bollettino sanitario trasmesso dalla Regione
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca