QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
LUCCA
Oggi 11° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News lucca, Cronaca, Sport, Notizie Locali lucca
mercoledì 22 gennaio 2020

Attualità giovedì 09 gennaio 2020 ore 15:35

La soglia d’inciampo per le vittime del nazismo

La soglia d'inciampo a Lucca, foto Facebook

Inaugurata davanti alla Pia Casa la prima soglia d'inciampo d'Italia. In Toscana saranno molte le pietre messe a dimora in memoria dell'Olocausto



LUCCA — Questa è una soglia d'inciampo, non una pietra, ed è la prima in Italia che viene incastonata davanti all'entrata di un luogo dove furono rinchiuse e poi deportate centinaia di persone verso i campi di concentramento nazisti, persone vittime dell'Olocausto e della furia nazista.

A Lucca davanti alla Pia Casa, che nel 1944 fu un terribile luogo di detenzione l'artista e inventore delle pietre d'inciampo Gunter Demning ha installato la soglia d'inciampo. 

Sulla soglia è scritto: “Pia Casa di beneficienza, 1944. Strappati alle case furono qui concentrati dai nazisti, complici i fascisti, migliaia di uomini poi costretti al lavoro coatto nel reich. Fatica, fame, malattia, sofferenze. Molti non tornarono”.

Diversamente dalla pietra d'inciampo, che ha la dimensione di un sampietrino e che ricorda una singola persona deportata nei campi di sterminio e di concentramento nazisti, la soglia nasce con l'obiettivo di portare alla luce e di imprimere nella memoria e nel tessuto urbanistico e sociale cittadino un'intera vicenda e un intero gruppo di persone, unite - come nel caso della Pia Casa - da una tragica storia personale divenuta storia collettiva di una città, di un popolo, di un Paese, di un periodo storico.

Gunter Demning poi a Firenze metterà a dimora altre pietre d'inciampo a Firenze, dove saranno in tutto cinque. Una è dedicata alla memoria di Clotilde Levi e sarà installata in Piazzale Donatello. Quella in via Gelsomino 29 è in memoria di Rodolfo Levi, Rina Procaccia, Noemi Levi, Angelo Sinigaglia, Amelia Procaccia, Alda Sinigaglia. In via Ghibellina 102 sarà messa a dimora la pietra d'inciampo in memoria di David Genazzani. Ultima tappa in via Proconsolo per l'installazione di quella dedicata alla memoria di Abramo Genazzani, Elena Genazzani e Mario Melli Genazzani. Tutte vittime dell'Olocausto, e alcune di loro mai tornate nelle loro case.



Tag

Campagna elettorale in Emilia Romagna, Toninelli sbaglia il nome del candidato M5S alla Regione

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cronaca

Attualità

Cronaca