comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
LUCCA
Oggi 17°22° 
Domani 16°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News lucca, Cronaca, Sport, Notizie Locali lucca
sabato 06 giugno 2020
corriere tv
Maltempo nel Bolognese: strade come torrenti a Granaglione

Attualità domenica 17 maggio 2020 ore 09:15

Toscana all’avanguardia nella ricerca sul Covid-19

Uno studio condotto dai medici dell'area pediatrica dell'Asl nord ovest e del Meyer è stato pubblicato su una importante rivista di settore



MASSA — Grazie allo screening di massa sulle donne partorienti, dalla Toscana e dalla Liguria arrivano nuovi dati sui casi "sommersi" perché asintomatici, di coronavirus. Uno studio dei medici dell’area pediatrica dell’Asl nord ovest, in collaborazione con colleghi del Meyer di Firenze e del Gaslini di Genova è stato pubblicato sull' American Journal of Obstetrics and Gynecology.

“Fin dall'inizio della pandemia – spiega il responsabile dell’Area Pediatrica dell’Azienda Usl Toscana nord ovest e coordinatore della ricerca Luigi Gagliardi - si è pensato che una quota rilevante delle infezioni fosse asintomatica o quasi e quindi, non eseguendo i tamponi, sfuggisse ai conteggi dell’Oms e della protezione civile, ma potesse comunque rappresentare un serbatoio ed una fonte di contagio.

Questa informazione è estremamente importante nella formulazione dei modelli e delle attese sulla diffusione del virus e, di conseguenza, sulle strategie di contenimento e mitigazione dell’epidemia.

I dati presenti in letteratura, ottenuti all’inizio della pandemia, stimavano infatti che questa quota di casi sommersi rappresentasse il 70-90 per cento di tutti gli infetti (cioè che ci fossero 4-10 casi sommersi per ogni caso documentato).

Noi abbiamo pensato di utilizzare i dati sui test eseguiti alle donne che entrano in ospedale per partorire, anche per stimare il serbatoio di infezioni inapparenti nella popolazione.

A partire dalla fine di marzo 2020, infatti, nella nostra Azienda abbiamo iniziato lo screening universale SARS-CoV-2 su tutti i pazienti ricoverati, e lo stesso è stato fatto al Gaslini di Genova. Le donne ricoverate per il parto rappresentano una popolazione particolare, in quanto vanno in ospedale non perché malate, ma per partorire. Possono quindi fornire stime utili sulla circolazione del virus nella popolazione generale.

Tra il 26 marzo e il 19 aprile nei punti nascita dell’ Asl Toscana nord ovest della Toscana e nell’ospedale pediatrico Gaslini di Genova sono stati effettuati gli screening con tampone nasofaringeo a 533 donne partorienti. Di queste, 3 sono risultate positive: una aveva solo anosmia (perdita del senso dell'olfatto) e 2 erano asintomatiche. Tutte hanno partorito senza problemi clinici per la madre e il neonato.

Questa frequenza è estremamente bassa ma, paragonata ai dati dell’Ars Toscana, è di circa 6 volte superiore a quella della popolazione femminile della stessa età. In altre parole, l'83 per cento delle infezioni è inapparente.

Un rapporto simile è stato trovato anche in due ricerche condotte a New York, pur con una clamorosa differenza nella frequenza di malattia, che a New York è circa 20 volte quella della Toscana.

Questa ricerca dimostra da un lato l’utilità di proseguire lo screening a tutte le donne ricoverate, per proteggere mamma, neonato, e operatori sanitari. Inoltre ci permette di mantenere un’ulteriore attenzione alla diffusione del virus in questa fase di parziale riapertura dal lockdown”.

“Infine - conclude il dottor Gagliardi - questo risultato dimostra ancora una volta la forza e l'innovatività del settore materno-infantile della nostra Azienda che si conferma, è il caso di dirlo, al livello dei migliori centri internazionali”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità