QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
LUCCA
Oggi 11° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News lucca, Cronaca, Sport, Notizie Locali lucca
mercoledì 22 gennaio 2020

Attualità martedì 10 dicembre 2019 ore 09:50

Manifatturiero, un anno in chiaroscuro

Il presidente di Confindustria Toscana Nord Giulio Grossi: "2019 anno complicato, l'economia sia considerata una priorità"



LUCCA — "Questo 2019 che sta per finire è un anno complicato. I timori che manifestavamo a dicembre 2018 hanno trovato le prime preoccupanti conferme".

Lo ha detto il presidente di Confindustria Toscana Nord Giulio Grossi facendo il punto sull'andamento del manifatturiero nell'area Lucca-Pistoia-Prato.

"I numerosi segni meno che riscontriamo nelle variazioni della produzione dei settori presenti nel nostro territorio non sono un'eccezione nel manifatturiero italiano, ma questo certamente non ci consola - ha detto Grossi-. Il fatto che l'andamento locale sia leggermente migliore rispetto al dato nazionale dice che ci stiamo battendo bene ma, appunto, che di battaglia si tratta, in un quadro internazionale incerto e stagnante e dovendo fare i conti con fattori di contesto nazionali e locali che ci lasciano insoddisfatti".

Dalle rilevazioni congiunturali del Centro studi di Confindustria Toscana Nord emergono risultati diversi per le tre province: il dato della variazione della produzione complessiva Lucca-Pistoia-Prato segna per i primi 9 mesi dell'anno 2019 -0,6 per cento (dato nazionale: -1,1) rispetto al buon +3,9 dello stesso periodo del 2018 (anno che poi aveva avuto un rallentamento nel quarto trimestre chiudendosi con +2,7), risultante dal -0,1 di Lucca, +1,1 di Pistoia e -2,5 di Prato. "Prestazioni diverse - spiega Confindustria Toscana Nord- correlate alla maggiore o minore presenza nelle tre province di settori caratterizzati a loro volta da risultati differenziati, che vanno dal +10,5 del ferrotranviario al -4,4 del mobile, con un folto gruppo di settori (macchine, lapideo, tessile, abbigliamento) che perdono ciascuno intorno a due punti e mezzo e altri con variazioni più contenute".

Le prestazioni migliori del territorio lucchese nei primi 9 mesi del 2019 sono quelle del settore alimentare, che include l'olio d'oliva e che rispetto allo stesso periodo del 2018 ha segnato +4; a seguire, con +2,6, la nautica, che dopo la profonda crisi del 2009 è risalita costantemente fino a confermare nel 2019 la leadership mondiale nel comparto dei superyacht (nel Global Order Book 2019 i primi tre cantieri sono italiani, di cui due di Viareggio, e rappresentando da soli oltre il 20 per cento degli ordini globali). Crescono in misura inferiore all'1 per cento la moda (+0,7), la carta-cartotecnica (+0,4) e la chimica-plastica (+0,1). Il segno negativo più consistente investe la meccanica, che include anche la meccanica per la carta e che col suo -3,6 rientra in una diffusa tendenza alla contrazione del settore macchine a uso industriale. "Effetto, questo, della stagnazione dell'economia internazionale - sottolinea Confindustria Toscana nord- che colpisce un settore proveniente da anni di buoni risultati favoriti anche dalle misure Impresa 4.0". Negativi anche il lapideo (-2,9) e la metallurgia (-0,9). In edilizia prosegue il calo di imprese, confermando una tendenza ormai consolidata dal 2008 (-40 per cento), mentre il numero di operai e di ore lavorate crescono lievemente rispetto allo scorso anno.



Tag

Campagna elettorale in Emilia Romagna, Toninelli sbaglia il nome del candidato M5S alla Regione

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cronaca

Attualità

Cronaca