QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
LUCCA
Oggi 19°22° 
Domani 19°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News lucca, Cronaca, Sport, Notizie Locali lucca
sabato 18 agosto 2018

Attualità lunedì 16 maggio 2016 ore 18:21

Un appello per salvare il santuario

Il sindaco invita i cittadini ad aderire all'iniziativa lanciata dal premier Renzi. In palio 150 milioni di euro per il recupero di luoghi pubblici



PESCAGLIA — Il seicentesco santuario della Madonna della Solca, patrona di Pescaglia, rischia di crollare a causa di un movimento del terreno che da anni sta minando la stabilità e ha causato lesioni all'edificio.

Per questo il sindaco Andrea Bonfanti invita tutti i cittadini a segnalarlo al Governo, inviando un'email a bellezza@governo.it, affinché possa essere recuperato nell'ambito dell'iniziativa lanciata dal presidente del Consiglio Matteo Renzi, che destinerà 150 milioni di euro per il recupero dei luoghi pubblici.

Il santuario ha bisogno di urgenti lavori di restauro – spiega il sindaco -. Per sostenere i costi delle opere per salvare l'edificio occorre un importante finanziamento, come quello che potrebbe arrivare dal Governo. Affinché questo si concretizzi è necessario un movimento dal basso, cioè che Pescaglia faccia sentire la propria voce. E' in gioco la sopravvivenza di un luogo di bellezza artistica, di memoria storica e di culto. Per questo invito tutta la popolazione a inviare un'email al Governo. Più saremo, più avremo possibilità di farci ascoltare”.

Pescaglia ha un legame particolare con il santuario della Madonna della Solca. Il 30 luglio 1944 l'intera popolazione della frazione capoluogo vi fece voto solenne di celebrare in perpetuo il giorno della liberazione dal dominio nazifascista se la Madonna avesse evitato lo sfollamento che era stato imposto dagli occupanti. A Pescaglia, inaspettatamente, giunsero gli americani e così lo sfollamento non avvenne.

Il santuario venne eretto su una precedente edicola campestre, in prossimità della Pila del Corvo e delle antiche mura castellari, progettate nel 1584 dall'architetto Vincenzo Civitali.

Per inviare l'email a bellezza@governo.it c'è tempo fino al 31 maggio 2016.



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità