QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
LUCCA
Oggi 9° 
Domani 10°12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News lucca, Cronaca, Sport, Notizie Locali lucca
lunedì 11 dicembre 2017

Attualità martedì 06 giugno 2017 ore 12:38

Uccise il caporeparto, la sentenza è definitiva

Nessun ricorso in appello da parte della difesa di Massimo Donatini, l'operaio condannato a 13 anni e 4 mesi per l'omicidio di Francesco Sodini

LUCCA — La sentenza nei confronti di Massimo Donatini è diventata definitiva. Dopo la condanna in primo grado dell'operaio della Lucart di 43 anni che il 7 aprile del 2015 sparò al proprio caporeparto Francesco Sodini, 53 anni, la difesa non ha presentato ricorso in appello nei sei mesi successivi alla condanna per omicidio volontario e porto abusivo di armi. La condanna, dunque, diventa definitiva. 

Donatini dovrà trascorrere in carcere 13 anni e quattro mesi come stabilito dal giudice per le udienze preliminari Pizzuti. 

Quel 7 aprile di due anni fa, Donatini gli sparò davanti alla sua abitazione di San Filippo, dopo aver aspettato, nascosto dietro a un cespuglio, che la vittima uscisse di casa. Poi lo lasciò morire riverso a terra, in un lago di sangue, e andò a costituirsi dai carabinieri. A loro spiegò di aver commesso il gesto perché si riteneva vittima di una macchinazione ordita contro da Sodini di lui sul proprio luogo di lavoro.

Donatini è ora recluso nel carcere di Massa, dove ha chiesto di poter essere trasferito per prendere parte ai progetti di lavoro. 

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità