QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
LUCCA
Oggi 4° 
Domani -2°5° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News lucca, Cronaca, Sport, Notizie Locali lucca
domenica 18 febbraio 2018

Politica mercoledì 07 febbraio 2018 ore 15:56

Nuovo bilancio con investimenti per un milione

Il bilancio di previsione triennale, presentato ieri, contiene novità sul fronte degli investimenti, mentre le tariffe non hanno subito ritocchi



LUCCA — Aumento degli investimenti per l’anno in corso nei settori strategici per i cittadini, mantenendo invariate le tariffe (Ascit e servizi a domanda individuale): è questa l’impostazione del bilancio di previsione 2018-2020 che l’assessore alle finanze Ilaria Carmassi ha presentato ieri (martedì 6) nella seduta del Consiglio Comunale.

Il bilancio andrà in approvazione, in ritardo, fra quindici giorni, intanto però Carmassi ne ha spiegato i punti chiave, vale a dire la scelta dell’amministrazione Menesini di evitare che i cittadini debbano pagare di più per l’utilizzo di un servizio comunale, riuscendo a prevedere per l’anno in corso un incremento degli interventi sia per la cura della persona, sia per la cura del territorio. 

Aumentano quindi le risorse messe a disposizione per le politiche sociali, che passano da un totale di 8 milioni e 190 mila euro del 2017 a 8 milioni e 403 mila euro del 2018; per le politiche ambientali si passa dai 288 mila 605 euro del 2017 ai 312 mila euro del 2018; per le politiche giovanili, sport e tempo libero si passa dai 185 mila euro del 2017 ai 188 mila euro del 2018. Lo stanziamento per le manutenzioni ordinarie, molto richieste dai cittadini, toccano quota 1 milione e 162 mila euro. Accanto a questi settori, crescono anche gli stanziamenti per gli investimenti dei lavori pubblici.

“Evitare l’incremento della pressione fiscale è per noi una priorità di mandato che stiamo portando avanti, ogni anno, con serietà e grande impegno – ha commentato l’assessore al bilancio Carmassi –. Se guardiamo altre realtà comunali o servizi nazionali indispensabili per le persone notiamo come davanti alle bollette ci sia il segno ‘più’. Da noi non è così, in quattro anni non abbiamo mai ritoccato le tariffe, infatti come Ente copriamo gran parte dei costi a domanda individuale, come asilo nido, refezione scolastica, trasporto scolastico. In questi campi, sosteniamo oltre il 50 per cento del costo del servizio. Anche la tariffa sui rifiuti resta invariata. Detto questo, non rinunciamo a portare avanti il disegno di Capannori che stiamo realizzando, con interventi di riqualificazione in ogni paese del territorio. Il 2018 sarà l’anno in cui il cambiamento diventa visibile sul territorio”. 

Tuttavia, mentre altri Comuni toscani hanno trovato il modo di ridurre alcune tariffe, a cominciare da quella dei rifiuti, Lucca preferisce utilizzare i soldi in più per rafforzare gli investimenti.

Nel dettaglio, gli investimenti del 2018 per la cura del territorio: per parchi e giardini euro 290 mila; per edilizia scolastica euro 1 milione e 200 mila; per edilizia pubblica euro 1 milione e 200 mila euro; per piste ciclopedonali e sentieristica euro 400 mila; per manutenzione straordinaria strade e viabilità euro 900 mila; per difesa del suolo e assetto idrogeologico euro 200 mila e per manutenzione straordinaria verde euro 150 mila; cittadella dello Sport euro 1 milione e 500 mila euro; impianto sportivo polivalente a San Leonardo in Treponzio euro 70 mila; ristrutturazione stadio di Marlia euro 235 mila; interventi straordinari sui cimiteri euro 60.000; pubblica illuminazione euro 100 mila; estensione rete del metano euro 280 mila.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Cronaca